Dopo una settimana stancante, in cui l'ufficio mi ha assorbita più del dovuto, ho utilizzato questo fine settimana per rigenerarmi un po' e ritrovare quel posto al mondo che non fosse la scrivania di lavoro. Anche se è durato una manciata di ore, il mio "posto" l'ho trovato sabato, a Fiesole. Giornata spettacolare, noi due in motorino tra le colline sopra Firenze, allungando un po' la strada solo per godersi le viuzze, i piccoli borghi e la natura.
Dopo un pranzo ricco che non facevo da tempo, assaggiando anche un Cognac alle pere williams che mi ha lasciato davvero senza parole, le chiacchiere con i proprietari del ristorante e la vista spettacolare mi hanno strappato un sorriso e disteso completamente i nervi. Finalmente sta arrivando la stagione che più mi piace e già non vedo l'ora di partirmene per il mare e far diventare il mio sorriso ancora più largo.
Ho preso tutto con relax negli ultimi due giorni, ho capito che se tiro tanto la corda alla fine mi toccherà sventolare bandiera bianca. Avrei voluto arrivae alla Pasqua preparando delle piccole uova di cioccolato e nocciole; ogni anno penso di fare qualcosa e inesorabilmente il lavoro e gli impegni mi trascinano altrove e mi allontanano dalle attività che più mi piacciono. Allora anzichè crucciarmi di non riuscire a combinare nulla, faccio un respirone e stacco la spina perchè altrimenti la mia mente comincia ad annodarsi come al solito. 
E mentre tutto il mondo dei food blogger prepara schiacciate pasquali e ovetti graziosi, io metto su un quattro quarti per colazione con i pochi ingredienti rimasti in dispensa. Giusto il tempo di ascoltare (e cantare) una canzone la torta era già pronta da infornare, una chiacchierata al telefono con l'Alessiuccia è bastata per il tempo di cottura. Sono sicura che è stata quest'ultima a influire sulla buona riuscita della torta. Tutto in perfetta sincronia. Una volta riattaccato il telefono il set era già pronto come anche la moka del caffè (e qui ho pensato a Laura che non lo beve, forse però con questa torta berrebbe un buon tè).
Che dire, a volte basta poco per rimettere in ordine corpo e mente. Un quattro quarti è sempre una buona idea, un piano ben riuscito, un risultato assicurato. E se risulterò fuori tema con questo post ho deciso che non me ne importa. Spesso sono fuori tema, spesso mi sento "sbagliata" o un po' diversa, come se viaggiassi da sola in un binario parallelo. Ma la verità è che io mi sento un po' come una torta quattro quarti.

Scrivo la ricetta per completezza, ma in realtà non servirebbe. Perchè per la torta quattro quarti, per chi non lo sapesse, basta pesare le uova (col guscio) e misurare lo stesso quantitativo di farina, zucchero e burro. Aggiungere una bustina di lievito e l'aroma che preferite. Solitamente si contano tre o quattro uova. L'importante è rispettare la proporzione.

Ingredienti:
stampo 23x13x8
4 uova
farina (stesso peso delle uova)
zucchero (stesso peso delle uova)
burro (stesso peso delle uova)
1 bustina di lievito per dolci
1 arancia
zucchero a velo

Sbattete bene le uova con lo zucchero, si devono montare e schiarire. Aiutatevi pure con le fruste elettriche. Aggiungete la farina e il lievito ben setacciati, amalgamate bene e unite il burro sciolto a bagno maria. Aggiungete la scorza e il succo dell'arancia. Imburrate e infarinate uno stampo da plumcake o rivestitelo di carta da forno (qui un tutorial carinissimo di Marina). Versate l'impasto e livellatelo in maniera uniforme con l'aiuto di un cucchiaio. Infornate a 180° per una mezzoretta. Non aprite mai il forno nei primi venti minuti di cottura  altrimenti la torta s abbasserà e non recupererete mai la lievitazione. Fate la prova dello stecchino. Sfornate, lasciate raffreddare e servite con zucchero a velo o glassa al limone.
 
Buon inizio settimana

7 commenti

  1. Ogni tanto ci vuole un week end per rigenerarsi...
    Buona nuova settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si, cara Mila. Mai come in questo periodo ne sento il bisogno...e per gustarsi il poco tempo che si ha a disposizione questa torta è l'ideale.

      Elimina
  2. Cara mia come amo io i 'fuori tema'!;-) e poi con te berrei anche una macchinetta intera di caffè sai che piacere dopo mesi di astinenza :-D Ti mando un bacio per una buona notte e domani mattina ripasso per la colazione, che è un anno che facciamo insieme anche senza dolce!;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Trovo solo ora il tempo di risponderti....in un momento di rarissima calma. Mi sono appena fatta un caffè e mi metto in pari con gli arretrati. In verità io mi sono sempre sentita un po' fuori tema, o per meglio dire in tema con me stessa! ;-) Ma col tempo ho scoperto che non è un essere storta o diversa, ma semplicemente una prerogativa a cui dare maggiore importanza. ;-)

      Elimina
  3. Fra, queste foto viste a schermo intero e non sul monitor del cell sono ancora più belle. Sono naturali come pure lo è questa fantastica ricetta, sempre vincente, sempre apprezzata, giusta e buonissima. Avete fatto bene a rilassarvi questo week-end, bisogna cogliere al volo le belle giornate soprattutto dopo un lungo inverno, e soprattutto in vista della settimana full full full time che ti aspetta. Credo che se abitassimo più vicine capiterebbe molto spesso di condividere mangiate sfascione e passeggiate per sentirsi meno in colpa. Buona giornata Frà!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se abitassimo vicino ci vizieremmo tantisssssssimo!

      Elimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina

Powered by Blogger.